Spedizione gratuita in tutta Italia per ordini minimi di 29€

Guaranà: energia per la vita di tutti i giorni

guaranà in polvere e chicchi

Cos’è  Dove si trova  Impiego negli integratori  Rischi e controindicazioni

Cos’è

Il guaranà è una pianta utilizzata per le proprietà energizzanti contenute nei suoi semi da numerose civiltà precolombiane. Dopo l’arrivo degli europei nel continente americano è stata esportata in tutto il mondo, trovando dimora nel vecchio continente a partire dal XVII secolo.

L’habitat naturale della pianta è però la foresta pluviale amazzonica, dove cresce con andamento rampicante fino a più di dieci metri d’altezza. Il nome deriva dalla lingua del popolo indigeno Guaraní e significa “occhi degli dei”. 


La popolarità dei semi di Guaranà è dovuta alle molecole che essi contengono: questi sono infatti ricchi di una molecola conosciuta come guaranina, ma meglio nota come caffeina. Come succede per molte altre fonti di caffeina di origine naturale, i semi di guaranà contengono anche altre sostanze alcaloidi, come la teobromina (uno degli alcaloidi presenti in grandi quantità anche nel cacao), e la teofillina. Anche quest’ultima ha effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale, oltre ad essere impiegata come broncodilatatore in medicina e veterinaria.

Dove si trova

Come detto, la guaranina è contenuta nei semi della pianta di guaranà. Tradizionalmente, questi venivano estratti dalla polpa, macinati ed essiccati, per poi utilizzare il prodotto finito in tisane e bevande energizzanti. 

Ad oggi è possibile individuare il guaranà tra gli ingredienti di molti prodotti alimentari ed integratori. Questo viene utilizzato sia per il sapore che la polpa conferisce a bibite e confetture, sia per l’alto contenuto di caffeina dei semi. Non è raro, infatti, imbattersi in energy drink a base di guaranà, che sono particolarmente popolari in alcuni paesi come il Brasile. 

Impiego negli integratori

La pasta ricavata dai semi di guaranà contiene percentuali di caffeina che variano dal 2% all’8%. 

Pertanto, questo estratto naturale viene impiegato nel mondo dell’integrazione per apportare benefici analoghi a quelli della caffeina: 

  • Incrementare la performance sportiva, attraverso un maggiore afflusso di sangue ai muscoli;
  • Aumentare la concentrazione durante sessioni di studio o lavoro;
  • Combattere la stanchezza e favorire il recupero delle energie;
  • Combattere l’obesità attraverso la sua azione termogenica, che innalza il metabolismo basale.

Il guaranà può essere assunto come integratore in varie forme, dalle compresse, fino ai gel energetici o ai chewing gum funzionali

Rischi e controindicazioni

Come molte altre sostanze stimolanti assunte da sportivi e non, l’abuso di guaranina può presentare effetti collaterali, specialmente nei soggetti più sensibili. Dosi superiori a quelle consigliate possono portare a nervosismo, tachicardia, mal di testa. Inoltre, come accade con altri integratori stimolanti a base di caffeina, il nostro organismo può assuefarsi all’utilizzo di guaranà, presentando in caso di interruzione improvvisa del suo consumo alcuni sintomi riconducibili ad una crisi d’astinenza da caffeina. Questa fase si risolve comunque entro alcuni giorni.

Gli effetti indesiderati collegati all’abuso di guaranina si riscontrano generalmente con l’assunzione giornaliera di 400 o più milligrammi.